Wall Street? In Sospeso: è attesa per la BCE e Lagarde

Lagarde

Wall Street in Sospeso: Attesa per la BCE e Decisioni Cruciali dalle Dichiarazioni di Lagarde…

Wall Street e la Borsa di Milano sono in attesa della prima riunione dell’anno della Banca Centrale Europea (BCE).

La prima apparizione ufficiale della presidente Lagarde ha generato aspettative di stabilità nella politica dei tassi. Molti economisti e investitori professionali anticipano che la BCE manterrà un approccio attendista, osservando attentamente i dati economici e il comportamento dell’inflazione.

Tuttavia, l’attenzione principale è rivolta alle previsioni sul rallentamento dell’economia globale. Queste previsioni potrebbero manifestarsi prima che si verifichino eventuali tagli dei tassi, programmati nella seconda metà dell’anno e presumibilmente iniziati da giugno in poi, seguendo l’andamento della Federal Reserve (Fed). Wall Street e la Borsa di Milano si preparano a interpretare queste proiezioni, poiché influenzeranno le decisioni degli investitori e plasmeranno l’andamento dei mercati nei prossimi mesi.

Gli investitori si trovano in una fase di attesa, focalizzati sull’outcome della riunione della Banca Centrale Europea (BCE) e sulle prospettive economiche. L’andamento dell’euro in rapporto al dollaro è oggetto di particolare interesse, poiché le prospettive di eventuali tagli dei tassi potrebbero influenzare la valuta europea. Nel contesto delle borse europee, si osservano varie dinamiche, con alcuni settori in ribasso e altri in rialzo.

Le prospettive economiche rimangono incerte, evidenziate dalle aste del Tesoro per finanziare le necessità e dalla decisione della Banca Centrale Norvegese di mantenere i tassi invariati. Tuttavia, l’attenzione principale è ora incentrata sulla conferenza stampa della BCE e sulla prima stima advance del Prodotto Interno Lordo (PIL) degli Stati Uniti.

Nel contesto aziendale, i risultati di imprese come STMicroelectronics e Tod’s presentano andamenti contrastanti, mentre Brembo e Buzzi ricevono valutazioni positive dagli analisti. Stellantis, al contempo, attira l’attenzione delle autorità politiche italiane.

Con un inizio d’anno caratterizzato da scenari incerti, gli investitori sono in attesa di indicazioni chiare dalla BCE e di sviluppi significativi nei mercati finanziari globali. Le sfide legate alla politica monetaria, alle tensioni geopolitiche e alle dinamiche aziendali continuano a plasmare il panorama economico.

Analisi del prezzo del Ftse Mib indice azionario di Borsa Italiana


L’indice FTSE MIB ha concluso la sessione del 24 gennaio 2024 con un aumento dell’0,87%, raggiungendo i 30.338,4 punti. Questo segna il secondo giorno consecutivo di crescita per l’indice, che ha ora superato i minimi registrati all’inizio di gennaio.

Un’analisi tecnica a breve termine indica un rafforzamento della tendenza al rialzo. Il segnale di conferma arriva dal fatto che la media mobile a 5 giorni ha superato al rialzo la media mobile a 34 giorni.

Attualmente, la resistenza immediata è osservata a 30.433,4 punti, mentre il supporto è identificato a 30.160,4 punti.

Gli indicatori tecnici suggeriscono che l’indice FTSE MIB potrebbe continuare a salire e raggiungere il livello massimo delle ultime 52 settimane, fissato a 30.706,5 punti.

Tuttavia, è essenziale tenere presente la natura volatile del mercato azionario e la possibilità di repentini cambiamenti nelle previsioni. Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento, è consigliabile consultare un consulente finanziario.


Aspettando Wall Street . . .

La Securities and Exchange Commission (SEC) sta intensificando le azioni contro gli sponsor di Special Purpose Acquisition Company (SPAC), mentre gli indicatori di mercato mostrano nuove dinamiche. Nel contesto delle recenti notizie finanziarie, l’indice S&P 500 ha raggiunto un altro record di chiusura, ma Tesla prevede una crescita più lenta nel corso del 2024. Nel frattempo, la Banca del Canada sembra propensa a mantenere i tassi invariati, mentre la Federal Aviation Administration (FAA) ha bloccato l’espansione della produzione del Boeing 737 Max. Inoltre, Hewlett Packard Enterprise (HPE) è stata vittima di un attacco da parte dello stesso gruppo russo che ha violato la sicurezza di Microsoft.

Nella recente sessione di mercato, le azioni statunitensi hanno chiuso in modo misto, con un’ascesa dello 0,36% del Nasdaq e una leggera diminuzione dello 0,26% del Dow Jones, guidate da una spinta nel settore tecnologico. Le prospettive di Tesla, tuttavia, sono risultate meno positive, poiché l’azienda ha mancato le stime degli utili e dei ricavi del quarto trimestre, annunciando una previsione di crescita più modesta per il 2024.

  1. Tesla e Altri Giganti Tecnologici: Tesla ha deluso le aspettative degli investitori nel quarto trimestre, registrando un aumento delle vendite del 1% anno su anno. Ciò ha portato a una diminuzione del 5,7% del prezzo delle azioni dopo l’orario di chiusura. Nel frattempo, ASML ha raggiunto un nuovo massimo storico, con un aumento del 9% dopo aver superato le aspettative degli utili del quarto trimestre.
  2. Altri Attori Chiave: AT&T ha superato le stime di ricavi del quarto trimestre ma ha mancato gli utili rettificati, mentre IBM ha visto un aumento del 7% delle sue azioni dopo aver superato le stime degli utili e dei ricavi grazie alla domanda crescente per i suoi prodotti di intelligenza artificiale e cloud ibrido.

Il panorama economico è soggetto a molteplici influenze, inclusa la decisione della Banca del Canada di mantenere stabili i tassi e la FAA che ferma l’espansione della produzione del Boeing 737 Max. Allo stesso tempo, le recenti tensioni geopolitiche nel Medio Oriente hanno iniziato a incidere sull’economia.

Chipotle, nota catena di ristoranti, sta cercando di aumentare il suo personale in vista della stagione dei burritos, dimostrando un’ottimistica prospettiva economica. Nel settore della sicurezza informatica, HPE è stata vittima di un attacco informatico da parte di un gruppo russo, mettendo in luce le crescenti minacce alla sicurezza digitale.

La crisi in Medio Oriente sta cominciando a pesare sull’economia Europea.

L’andamento economico europeo sta risentendo degli impatti derivanti dalle interruzioni delle catene di approvvigionamento causate dalla crisi in Medio Oriente. I dati diffusi mercoledì indicano che le imprese, a seguito degli attacchi dei ribelli Houthi con base nello Yemen contro navi cargo nel Mar Rosso, hanno registrato ritardi nell’arrivo delle parti necessarie nel mese di gennaio, causando perturbazioni nelle rotte di trasporto delle merci dall’Asia.

Questi attacchi hanno spinto molti vettori merci a scegliere percorsi più sicuri, seppur più lunghi e costosi, circumnavigando l’Africa attraverso il Capo di Buona Speranza. Se i costi aggiuntivi continueranno ad accumularsi, potrebbero tradursi in una nuova pressione inflazionistica in Europa, ritardando la prevista riduzione dei tassi di interesse, secondo quanto riportato da Paul Hannon.

Gli economisti non prevedono un impatto altrettanto negativo sugli Stati Uniti, poiché il loro commercio non è così dipendente dal Canale di Suez come quello europeo. L’indice degli acquisti dei manager di S&P Global ha evidenziato che l’attività commerciale negli Stati Uniti nella prima metà di gennaio ha registrato la crescita più marcata dal giugno 2023.

E l’Economia USA come stà reagendo?

L’economia degli Stati Uniti ha registrato una crescita solida nel quarto trimestre del 2023, secondo le valutazioni degli esperti, concludendo un anno in cui le ampie preoccupazioni riguardo a una possibile recessione sono state smentite da una continua assunzione e da consumatori resilienti.

Gli economisti stimano che il prodotto interno lordo abbia registrato una crescita annuale del 2% nel quarto trimestre rispetto al terzo. La spesa dei consumatori, che rappresenta circa due terzi dell’output economico, è identificata come il propulsore di questa crescita persistente.

Gli esperti indicano che l’economia degli Stati Uniti è cresciuta del 2,6% nell’ultimo anno, trainata da una robusta spesa dei consumatori e significative assunzioni. Nel quarto trimestre del 2023, l’andamento positivo ha contraddetto le preoccupazioni generalizzate sulla recessione, mitigando i timori grazie a una costante crescita occupazionale e a consumatori resilienti.

Questa performance del 2023 contrasta con le previsioni degli economisti di un anno fa, quando una recessione sembrava molto probabile, con una stima di crescita annuale dello 0,2%.

La propensione dei consumatori a spendere è stata evidente durante le festività, con un aumento significativo delle vendite al dettaglio a dicembre, superando notevolmente l’inflazione. La fiducia dei consumatori ha registrato un aumento del 29% da novembre a gennaio, la crescita più marcata in due mesi dal 1991, secondo l’Università del Michigan. I consumatori prevedono un’inflazione più moderata rispetto alle aspettative di qualche mese fa.

Tuttavia, emergono segnali che suggeriscono un possibile rallentamento della spesa e dell’economia nel complesso. Gli economisti, prevedendo un raffreddamento della spesa dei consumatori, stimano una crescita dell’1% per l’anno in corso.

Le quattro principali banche degli Stati Uniti riportano un aumento delle spese con carte di credito nel 2023, ma segnalano un prolungato periodo di rientro dei saldi e un aumento dei tassi di inadempienza. Il tasso di risparmio personale è notevolmente al di sotto dei livelli pre-pandemici.

Sorgono segnali di stress nell’economia, con alcune aziende manifatturiere che riportano un modesto calo della produzione e annunci di licenziamenti da parte di alcune grandi aziende. Sebbene la disoccupazione complessiva sia rimasta stabile, i lavoratori licenziati impiegano più tempo a trovare nuovi impieghi. A livello locale, a dicembre 18 stati registrano tassi di disoccupazione più alti rispetto all’anno precedente, mentre 15 stati evidenziano cali.

Le imprese sono incerte sulla loro capacità di fissare prezzi, con alcune aziende alimentari che registrano una riduzione degli acquisti e iniziano a tagliare i prezzi su alcuni articoli, mentre altre, come Procter & Gamble, riportano utili solidi grazie a incrementi di prezzo e volumi di vendita più elevati.

La prospettiva di un possibile abbassamento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve ha alimentato un rally del mercato azionario negli ultimi mesi. Questa prospettiva, insieme a costi di finanziamento più bassi, potrebbe rianimare gli investimenti delle famiglie e delle imprese nel corso dell’anno. Mentre la Fed prevede di mantenere i tassi stabili al prossimo incontro, i mercati si stanno già preparando per possibili tagli nel 2024. Bassi tassi di interesse ipotecari stanno già contribuendo a una ripresa delle attività immobiliari.

Sebbene la Fed abbia dichiarato la volontà di evitare tagli ai tassi finché non sarà convinta che le pressioni inflazionistiche siano stabilmente sopite, gli investitori stanno già focalizzando la loro attenzione sulle potenziali prospettive di crescita a seguito di eventuali interventi.

Analisi del prezzo del Nasdaq indice azionario di Wall Street

L’indice Nasdaq 100 ha registrato un aumento dell’0,55%, chiudendo a 17.499,3 punti il 24 gennaio 2024, segnando il secondo giorno consecutivo di crescita e superando i minimi di inizio gennaio.

L’analisi tecnica a breve termine evidenzia un consolidamento della tendenza al rialzo, con la media mobile a 5 giorni che ha recentemente superato positivamente la media mobile a 34 giorni, confermando così la direzione positiva.

Attualmente, la resistenza immediata si attesta a 17.671,6 punti, mentre il supporto è identificato a 17.154,6 punti.

Le indicazioni tecniche suggeriscono la possibilità che l’indice Nasdaq 100 prosegua la sua salita, mirando a toccare quota 18.188,6 punti, il livello massimo delle ultime 52 settimane.

È cruciale tenere presente la natura volatile del mercato azionario e la potenziale rapidità con cui le previsioni possono mutare. Prima di prendere decisioni di investimento, è sempre consigliabile consultare un consulente finanziario.

Per quanto riguarda le tendenze a breve e medio termine dell’indice Nasdaq 100:

A breve termine: La tendenza è rialzista, supportata dall’incrocio positivo della media mobile a 5 giorni con quella a 34 giorni. La resistenza immediata si trova a 17.671,6 punti, mentre il supporto è a 17.154,6 punti. A medio termine: La tendenza al rialzo è confermata dal superamento dei minimi di inizio gennaio. La resistenza a medio termine è identificata a 18.188,6 punti, rappresentando il livello massimo delle ultime 52 settimane. In sintesi, il Nasdaq 100 sembra recuperare dopo la correzione di inizio gennaio. Se la tendenza rialzista persiste, l’indice potrebbe raggiungere quota 18.188,6 punti entro la fine del trimestre. Tuttavia, è essenziale monitorare gli sviluppi economici e politici globali, in quanto potrebbero influenzare il mercato azionario.


Guarda le Lezioni precedenti con la Formazione Gratuita di 
Sante Pellegrino WeBank

Tecniche di trading intraday: le metodologie di breakout

Relatore: Sante Pellegrino

In questa sessione insieme a Sante Pellegrino studieremo le tecniche di breakout per operare intraday1-2-3 High Low, Ledge e Hook, estremamente utili per operare in congestioni o in tendenza.

Share the Post:

Related Posts