Sante Pellegrino Trader since 1998

Wall Street è sconsolata, ha chiuso in ribasso ed attende la FED


Wall Street chiude in rosso, Powell ribadisce: “Niente fretta di tagliare i tassi”

A Wall Street le azioni statunitensi nella giornata del 5 febbraio 2024 hanno chiuso in ribasso.

Il ribasso fà seguito alle dichiarazioni del presidente della Federal Reserve Jerome Powell, che ha ribadito durante un’intervista televisiva, del fine settimana, che la banca centrale si prenderà tutto il tempo necessario per tagliare i tassi d’interesse.

Gli investitori hanno tenuto conto anche degli utili, compresi i risultati dei componenti del Dow Caterpillar Inc. +2,00% e McDonald’s Corp. -3,73% e dopo che gli utili delle grandi società tecnologiche avevano trainato un rally del mercato azionario la scorsa settimana.

Le chiusure del 5 febbraio 2024:

  • Il Dow Jones Industrial Average è sceso di 274,30 punti, o dello 0,7%, chiudendo a 38380,12.
  • L’S&P 500 è sceso di 15,80 punti, o dello 0,3%, chiudendo a 4942,81.
  • Il Nasdaq Composite è sceso di 31,28 punti, o dello 0,2%, chiudendo a 15597,68.

Le chiusure negative di Wall Street all’indomani di venerdì 2 febbraio 2024, giornata passata alla storia dopo che il Dow Jones aveva segnato il suo nono massimo storico di chiusura del 2024 e mentre i risultati di Meta Platforms Inc. e Amazon.com Inc. avevano contribuito a portare l’S&P 500 al suo settimo massimo storico di chiusura dell’anno, aggiornato poi a 5000 punti!

Non solo Powell ma anche l’Institute for Supply Management ha spinto al ribasso Wall Street.

L’Institute for Supply Management ha dichiarato che il suo indice dei servizi è salito al 53,5% a gennaio, da un minimo di sette mesi del 50,5% a dicembre.

I dati di lunedì dell’Institute for Supply Management e di S&P Global hanno mostrato che le condizioni economiche sono andate meglio del previsto e che l’attività economica ha continuato a espandersi a gennaio.

Questo segue il sorprendente aumento di 353.000 posti di lavoro non agricoli del mese scorso e l’intervista del fine settimana di Powell su “60 Minutes”, in cui ha dichiarato che i politici possono essere cauti nel decidere quando tagliare i tassi dal loro livello attuale compreso tra il 5,25% e il 5,5%.

I dati forti potrebbero rafforzare le aspettative che la Federal Reserve rimanderà i tagli dei tassi, hanno dichiarato gli analisti.

Ma cosa è successo a Wall STreet lunedì 5 febbraio: ecco i movimenti del mercato

Boeing: Dovrà rilavorare circa 50 aerei 737 MAX non consegnati dopo che il fornitore Spirit AeroSystems ha trovato due fori errati su alcune fusoliere. Boeing ha dichiarato che il problema potrebbe ritardare alcune consegne a breve termine del 737, ma che la “condizione potenziale non è un problema immediato per la sicurezza del volo” e tutti i 737 possono continuare a volare. Le azioni Boeing sono scese dell’1,3%, mentre quelle di Spirit AeroSystems sono scese del 4,7%.

Tesla: È scesa del 3,7%. Il Wall Street Journal ha riportato nel fine settimana che il CEO Elon Musk ha assunto droghe con alcuni membri del consiglio di amministrazione della società di veicoli elettrici. Il Journal ha citato persone che hanno assistito all’uso di droghe e altre a conoscenza di esso.

Meta Platforms: È scesa del 3,3% dopo che le azioni della società madre di Facebook e Instagram sono salite del 20% venerdì a un record di chiusura di 474,99 dollari, a seguito di una previsione che ha superato le aspettative di Wall Street e di un annuncio che prevedeva il suo primo dividendo in assoluto. Meta ha aggiunto 204,5 miliardi di dollari di valore di mercato venerdì, il maggiore guadagno in un giorno da parte di qualsiasi società statunitense nella storia.

McDonald’s: Le azioni sono scese del 3,7% dopo che il gigante del fast food ha riportato ricavi del quarto trimestre inferiori alle stime di Wall Street e vendite a livello di negozio al di sotto delle previsioni, a causa dell’impatto della guerra in Medio Oriente.

Caterpillar: È salita del 2% dopo che il produttore di macchinari pesanti ha riportato utili rettificati del quarto trimestre superiori alle stime degli analisti. Il margine operativo lordo nel periodo è migliorato al 18,4% dal 10,1%.
Nvidia supera i 700 dollari: nuove partnership per i suoi chip AI

Il titolo Nvidia ha chiuso lunedì in aumento del 4,8% a 693,32 dollari, stabilendo un nuovo record storico di chiusura.

L’azione è stata sostenuta dalle opinioni positive degli analisti di Goldman Sachs e Raymond James, che scommettono sulla continua crescita di Nvidia.

È salita del 4,8% a 693,18 dollari. Ha stabilito un record di chiusura alto a 661,60 dollari venerdì. A guidare i guadagni è stata la continua alta domanda di unità di elaborazione grafica di Nvidia per la formazione di sistemi di intelligenza artificiale. Meta, Microsoft e Amazon.com hanno riportato forti utili la scorsa settimana e hanno dichiarato di essere impegnate in ulteriori investimenti in AI.

Nuova partnership con Cisco per accelerare l’adozione dell’AI nei data center

Martedì, il produttore di chip ha annunciato una partnership con Cisco Systems per vendere infrastrutture per i data center. Le unità di elaborazione grafica di Nvidia, la scelta preferita per l’addestramento dei sistemi di intelligenza artificiale, saranno integrate con i server di Cisco. “Lavorando a stretto contatto con Cisco, stiamo rendendo più facile che mai per le aziende ottenere l’infrastruttura necessaria per beneficiare dell’AI, la forza tecnologica più potente del nostro tempo”, ha dichiarato Jensen Huang, CEO di Nvidia.

Nvidia domina il settore dei chip AI

Il titolo Nvidia sta sovraperformando gli altri produttori di chip martedì. Advanced Micro Devices è in rialzo dello 0,3% nel pre-mercato e stabile. “Dal punto di vista competitivo, sebbene AMD stia facendo buoni progressi con la sua piattaforma MI300, riteniamo che Nvidia rimarrà il gold standard del settore per il prossimo futuro, grazie alla sua robusta offerta hardware e software e, soprattutto, al ritmo con cui continua a innovare”, ha scritto l’analista di Goldman Toshiya Hari in una nota di ricerca lunedì.

Performance del titolo Nvidia

Il titolo Nvidia è salito del 30% nell’ultimo mese. Questo si confronta con un aumento del 3,9% per l’S&P 500 e del 5% per il Nasdaq Composite Index nello stesso periodo.

Vendita massiva di obbligazioni spinta dai timori di tassi “più alti per più tempo” porta alle peggiori perdite in due giorni da anni

I rendimenti dei titoli del Tesoro a 10 e 30 anni sono aumentati di più nelle ultime due sessioni di trading rispetto a qualsiasi altro periodo dal giugno 2022 e dal marzo 2020, rispettivamente.

Gli investitori e gli operatori hanno venduto aggressivamente titoli di stato USA dai due anni fino ai trent’anni, spingendo i rendimenti corrispondenti di 10 punti base o più ciascuno in un giorno.

Il tasso chiave a due anni ha chiuso a un massimo di quasi due mesi e nel frattempo, il tasso di riferimento a 10 anni e il suo omologo a 30 anni hanno chiuso ai massimi dal 24-26 gennaio, e sono saliti di più nelle ultime due sessioni di trading rispettivamente dal giugno 2022 e dal marzo 2020.

In mezzo al doppio sell-off in azioni e titoli di stato statunitensi, gli operatori sui future dei fed funds hanno continuato a credere in una probabilità del 55% di almeno cinque tagli dei tassi di interesse di un quarto di punto da parte della Fed entro la fine dell’anno. In altre parole, gli operatori non stanno completamente abbandonando l’idea di tagli dei tassi nel 2024, ma si stanno preparando a un numero inferiore di quelli che avevano previsto in precedenza.

Ancora una settimana fa, i future sui fed funds venivano scambiati a livelli che implicavano una probabilità del 53% di almeno sei tagli dei tassi entro dicembre, secondo il CME FedWatch Tool. Ora, gli operatori stanno togliendo uno di quei tagli dal quadro.

CME FedWatch Tool

Analisi del Nasdaq in tempo reale: Bias di mercato e possibili scenari

Il Nasdaq Composite Index (COMP) si trova in una fase di stallo nella sessione odierna, oscillando intorno ai 15.600 punti. L’indice ha aperto in rialzo, toccando un massimo intraday di 15.680, ma ha poi ceduto terreno alle pressioni di vendita.

Analisi tecnica:

  • Media Mobile Esponenziale (EMA) a 50 giorni: L’EMA a 50 giorni si trova attualmente a 15.500 punti, che rappresenta un livello di supporto chiave. Se il Nasdaq dovesse scendere sotto questo livello, potrebbe indicare una possibile inversione di tendenza.
  • Relative Strength Index (RSI): L’RSI è un indicatore che misura la forza del trend. Un valore RSI superiore a 70 indica un mercato ipercomprato, mentre un valore inferiore a 30 indica un mercato ipervenduto. L’RSI del Nasdaq è attualmente a 55, indicando un mercato neutrale.
  • Stocastico: Lo stocastico è un altro indicatore che misura la forza del trend. Un valore stocastico superiore a 80 indica un mercato ipercomprato, mentre un valore inferiore a 20 indica un mercato ipervenduto. Lo stocastico del Nasdaq è attualmente a 60, indicando un mercato che sta diventando ipercomprato.

Bias di mercato:

  • Bias di conferma: Gli investitori potrebbero essere influenzati dal bias di conferma, che li porta a cercare solo informazioni che confermano le loro convinzioni esistenti. Questo potrebbe portare a una sopravvalutazione delle azioni tecnologiche.
  • Bias di recency: Gli investitori potrebbero essere influenzati dal bias di recency, che li porta a dare più peso alle informazioni recenti rispetto a quelle passate. Questo potrebbe portare a un’eccessiva fiducia nel trend rialzista del Nasdaq.

Possibili scenari:

  • Scenario rialzista: Se il Nasdaq dovesse superare il livello di resistenza di 15.680 punti, potrebbe salire fino a 15.800 punti.
  • Scenario ribassista: Se il Nasdaq dovesse scendere sotto il livello di supporto di 15.500 punti, potrebbe scendere fino a 15.400 punti.

Il Nasdaq si trova in una fase di stallo, con i tori e gli orsi che si contendono il controllo del mercato. I bias di mercato potrebbero influenzare le decisioni degli investitori e portare a una volatilità maggiore del previsto. È importante monitorare attentamente i dati tecnici e le notizie di mercato per identificare i possibili scenari futuri.

Wall Street Nasdaq

Analisi del S&P 500 in tempo reale: Bias di mercato e possibili scenari

L’indice S&P 500 (SPX) si trova in territorio positivo nella sessione odierna, in rialzo dello 0,25% a 4.960 punti. L’indice ha aperto in rialzo, toccando un massimo intraday di 4.975 punti, ma ha poi ceduto terreno alle pressioni di vendita.

Analisi tecnica:

  • Media Mobile Esponenziale (EMA) a 50 giorni: L’EMA a 50 giorni si trova attualmente a 4.900 punti, che rappresenta un livello di supporto chiave. Se l’S&P 500 dovesse scendere sotto questo livello, potrebbe indicare una possibile inversione di tendenza.
  • Relative Strength Index (RSI): L’RSI è un indicatore che misura la forza del trend. Un valore RSI superiore a 70 indica un mercato ipercomprato, mentre un valore inferiore a 30 indica un mercato ipervenduto. L’RSI dell’S&P 500 è attualmente a 55, indicando un mercato neutrale.
  • Stocastico: Lo stocastico è un altro indicatore che misura la forza del trend. Un valore stocastico superiore a 80 indica un mercato ipercomprato, mentre un valore inferiore a 20 indica un mercato ipervenduto. Lo stocastico dell’S&P 500 è attualmente a 60, indicando un mercato che sta diventando ipercomprato.

Bias di mercato:

  • Bias di conferma: Gli investitori potrebbero essere influenzati dal bias di conferma, che li porta a cercare solo informazioni che confermano le loro convinzioni esistenti. Questo potrebbe portare a una sopravvalutazione delle azioni tecnologiche.
  • Bias di recency: Gli investitori potrebbero essere influenzati dal bias di recency, che li porta a dare più peso alle informazioni recenti rispetto a quelle passate. Questo potrebbe portare a un’eccessiva fiducia nel trend rialzista dell’S&P 500.

Possibili scenari:

  • Scenario rialzista: Se l’S&P 500 dovesse superare il livello di resistenza di 4.975 punti, potrebbe salire fino a 5.000 punti.
  • Scenario ribassista: Se l’S&P 500 dovesse scendere sotto il livello di supporto di 4.900 punti, potrebbe scendere fino a 4.850 punti.

L’S&P 500 si trova in una fase di stallo, con i tori e gli orsi che si contendono il controllo del mercato. I bias di mercato potrebbero influenzare le decisioni degli investitori e portare a una volatilità maggiore del previsto. È importante monitorare attentamente i dati tecnici e le notizie di mercato per identificare i possibili scenari futuri.

Wall Street S&P500

Analisi del Dow Jones in tempo reale: Bias di mercato e possibili scenari

L’indice Dow Jones Industrial Average (DJI) si trova in territorio positivo nella sessione odierna, in rialzo dello 0,30% a 38.670 punti. L’indice ha aperto in rialzo, toccando un massimo intraday di 38.700 punti, ma ha poi ceduto terreno alle pressioni di vendita.

Analisi tecnica:

  • Media Mobile Esponenziale (EMA) a 50 giorni: L’EMA a 50 giorni si trova attualmente a 38.500 punti, che rappresenta un livello di supporto chiave. Se il Dow Jones dovesse scendere sotto questo livello, potrebbe indicare una possibile inversione di tendenza.
  • Relative Strength Index (RSI): L’RSI è un indicatore che misura la forza del trend. Un valore RSI superiore a 70 indica un mercato ipercomprato, mentre un valore inferiore a 30 indica un mercato ipervenduto. L’RSI del Dow Jones è attualmente a 55, indicando un mercato neutrale.
  • Stocastico: Lo stocastico è un altro indicatore che misura la forza del trend. Un valore stocastico superiore a 80 indica un mercato ipercomprato, mentre un valore inferiore a 20 indica un mercato ipervenduto. Lo stocastico del Dow Jones è attualmente a 60, indicando un mercato che sta diventando ipercomprato.

Bias di mercato:

  • Bias di conferma: Gli investitori potrebbero essere influenzati dal bias di conferma, che li porta a cercare solo informazioni che confermano le loro convinzioni esistenti. Questo potrebbe portare a una sopravvalutazione delle azioni a grande capitalizzazione.
  • Bias di recency: Gli investitori potrebbero essere influenzati dal bias di recency, che li porta a dare più peso alle informazioni recenti rispetto a quelle passate. Questo potrebbe portare a un’eccessiva fiducia nel trend rialzista del Dow Jones.

Possibili scenari:

  • Scenario rialzista: Se il Dow Jones dovesse superare il livello di resistenza di 38.700 punti, potrebbe salire fino a 38.800 punti.
  • Scenario ribassista: Se il Dow Jones dovesse scendere sotto il livello di supporto di 38.500 punti, potrebbe scendere fino a 38.400 punti.

Il Dow Jones si trova in una fase di stallo, con i tori e gli orsi che si contendono il controllo del mercato. I bias di mercato potrebbero influenzare le decisioni degli investitori e portare a una volatilità maggiore del previsto. È importante monitorare attentamente i dati tecnici e le notizie di mercato per identificare i possibili scenari futuri.

Wall Street Dow Jones

Disclaimer:

Le informazioni contenute in questo articolo sono solo a scopo informativo e non sono da considerarsi come un consiglio finanziario. È importante fare le proprie ricerche e consultare un consulente finanziario prima di prendere qualsiasi decisione di investimento.

FORMAZIONE AL TRADING DI BORSA PROFESSIONALE

Laboratorio di trading intraday: le strategie e le tecniche utilizzate dai professionisti (youtube.com)

Educazione Finanziaria e un’esclusiva panoramica sulle migliori strategie di trading.
Esplora il mondo del trading intraday e di posizione, coprendo un vasto spettro di asset e strumenti finanziari.

Approfitta di questa libreria di contenuti per perfezionare le tue competenze .

RELATORE: Sante Pellegrino
Fondatore di www.workatwallstreet.it esperto e rinomato, professionista di settore dal 1998.
Le sue conoscenze e tecniche lo hanno reso un punto di riferimento nel mondo del trading.

Presenta: Pietro Froio
Consulente professionale Webank

Non perdere l’opportunità di investire nel tuo successo finanziario.

In questa puntata verranno approfondote le tecniche di Analisi Candlestick con esempi operativi e di Intelligenza Artificiale, oltre all’analisi Qauntitativa e di Tradin System.

About the author

Benvenuto da Sante Pellegrino, ho studiato Sociologia, ho conseguito un Master in BANKING & FINANCIAL MARKET Bond Trader, Market Maker e Managing Partner per Istituzioni Finanziarie dal 1998. Specialist in Direct Market Access, Mifid II ed ESMA, ho lavorato come PMO per Electronic Brokerage e High Frequency Firm. La mia competenza si estende anche alla programmazione di piattaforme come Tradestation, Multicharts, Bloomberg, Choerence By List e ORC By Itiviti. Nel 2003, ho creato la prima Trading Room Italiana autorizzata da BankIt & Consob con INTESATRADE (Banca Intesa). Ho formato oltre 2500 Trader, oltre 300 Consulenti Finanziari e oltre 150 Gestori e Trader Professional. Collaboro con WeBank, contribuendo allo sviluppo della piattaforma di trading T3. Speaker per Borsa Italiana, CME, Eurex, BCE, ed eventi ITF, TolExpò, CFNCNBC, LeFontiTV e Banche. Autore di SantePTrader.com, Founder di WorkatWallStreet.it. Esplora con me i mercati di Borsa da Piazza Affari a Wall Street!

Articoli Correlati

Mercati

Azionario