Il Fondo Monetario Italiano punisce l’Italia…Recessione?

Il Fondo Monetario Italiano punisce l’Italia…Recessione?

Table of Contents

Nonostante la chiusura per festività di #wallstreet (oggi 21 gennaio 2019), i mercati hanno scambiato volumi inaspettatamente interessanti.

Nel  primo mese di contrattazione 2019 l’Italia ed il suo indice azionario #ftsemib guadagna il 6.98% a 19600 punti indice circa, sono però lontani i massimi del 2018 piazzati attorno ai 24000 punti indice, quindi è bene catalogare questo mese positivo come “ritracciamento” del movimento ribassista.

Purtroppo a questa osservazione vanno aggiunte le analisi inaspettate che il Fondo Monetario Internazionale lancia da #davos, analisi economica che si aggiunge alla voce di Bankitalia.

Il capo economista del #fmi l’Indian-American Ggita Gopinath, fa notare che il rischio “sovrano” ed il rischio “finanziario” hanno ancora l’Italia come protagonista principale, definendo la stessa Italia la zavorra economica globale.

La replica immediata del ministro degli interni #salvini è : il Fondo Monetario Internazionaleèil vero rischio per l’economia globale.

Intanto sul web impazza la febbre del #10yearchallenge che applicato all’indice #ftsemib sembra offrire spunti interessanti, infatti l’indice italiano dal 2009 con i minimi a 12500 punti indice, ad oggi 2019 in chiusura segna un guadagno del 58% a 19600 punti indice.

Per scongiurare ogni ulteriore ribasso, l’indice #ftsemib non deve scendere al disotto dei 18000/17500 punti, infatti una chiusura inferiore a questo supporto diventerebbe letale per un allungo verso i 15000 punti indice.

Al contrario un superamento della resistenza di 24000 punti aprirebbe la strada ad un “super rialzo”, questa resistenza però deve prima confrontarsi con i livelli di resistenza a breve che sono 20200 e 21000 punti, oltre a tutti i massimi che le azioni italiane non riescono a superare.

Buon Trading

@santePTrader

I Contenuti disponibili su questo articolo non sono diretti in alcun modo alla sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario.I Contenuti sono personali per motivi di studio e di ricerca e non per uso commerciale.

Share the Post:

Related Posts