Draghi? Mattarella respinge le dimissioni, Piazza Affari KO!

Draghi
Draghi? Mattarella respinge le dimissioni, Piazza Affari KO! Draghi non vuole compromessi e dice "no" a chi gioca a "gaurdia e ladri" in parlamento. Il premier Mario Draghi annuncia le sue dimissioni dopo l'astensione al voto del M5s. Al Senato oggi arrivano "al pettine" tutti i malumori tra Conte e Draghi, la fiducia sul decreto Aiuti non è da farsi per l'ex Premier Conte e così la scelta del partito di M5s di astenersi dal voto.   Draghi non la prende con diplomazia, dopo un’ora di colloquio con Mattarella al Quirinale, comunica la volontà di dimettersi con queste sue considerazioni: «È venuto meno il patto di fiducia alla base dell’azione di governo, non ci sono più le condizioni per realizzare il programma». Ci pensa Mattarella a tamponare la crisi e rifiuta le dimissioni del premier, la partita è ancora aperta. Piazza Affari è sempre sensibile alle vicende politiche e perde tono quando le prospettive future riguardo la stabilità del governo non sono chiare, peggio quando c'è crisi! L'apertura di Piazza Affari aveva già messo a obiettivo la giornata, -1.80% sin dalle prime battute della campanella di apertura. Il peggio è arrivato nel pomeriggio all'apertura di Wall Street e quando il M5s ha confermato i malumori astenendosi dal voto al Senato, Ftse Mib KO -4.7%! La crisi alimenta le preoccupazioni finanziarie e lo Spread supera la resistenza dei 199 punti base e sale sino a 240 punti, ma ha chiuso la sessione fortunatamente in area 225 punti. Male anche per il debito Italiano con il rendimento decennale che sale a 3,40% mentre tutti i BTP subiscono forti vendite per tutta la giornata di contrattazione. Ad avere la peggio i titoli legati allo stato Italiano tra cui ENEL a -6%, ENI a -5%, Poste italiane a -5%, Telecom a -6.50%. Piazza Affari è consapevole della crisi internazionale, dell'inflazione, della pandemia e questa crisi politica è mal digerita. Con la crisi di oggi Piazza Affari incrementa il "divario negativo": Apertura Gennaio 2022 / invasione Russa in Ucraina -10% -22% scadenza tecnica futures / trimestrale Marzo 2022 -26% Crisi Draghi Focus. Inflazione, cosa succede nei mercati e nelle tasche dei risparmiatori La TV digitale TRM Network intervista il Trader Sante Pellegrino e la giornalista Manuela Donghi Il Giornalista Saverio Carlucci conduce e modera l’incontro\intervista che segna il focus sulle tematiche inerenti l'Inflazione i Mercati Finanziari e l’aumento dei prezzi delle Materie Prime. GUARDA IL VIDEO https://www.youtube.com/watch?v=zFUqI9VFUqg
Draghi non vuole compromessi e dice “no” a chi gioca a “gaurdia e ladri” in parlamento.
Il premier Mario Draghi annuncia le sue dimissioni dopo l’astensione al voto del M5s.
 
Al Senato oggi arrivano “al pettine” tutti i malumori tra Conte e Draghi, la fiducia sul decreto Aiuti non è da farsi per l’ex Premier Conte e così la scelta del partito di M5s di astenersi dal voto.
 
Draghi
 
Draghi non la prende con diplomazia, dopo un’ora di colloquio con Mattarella al Quirinale, comunica la volontà di dimettersi con queste sue considerazioni: «È venuto meno il patto di fiducia alla base dell’azione di governo, non ci sono più le condizioni per realizzare il programma».
 
Ci pensa Mattarella a tamponare la crisi e rifiuta le dimissioni del premier, la partita è ancora aperta.
 
Piazza Affari è sempre sensibile alle vicende politiche e perde tono quando le prospettive future riguardo la stabilità del governo non sono chiare, peggio quando c’è crisi!
 
L’apertura di Piazza Affari aveva già messo a obiettivo la giornata, -1.80% sin dalle prime battute della campanella di apertura.
 
Il peggio è arrivato nel pomeriggio all’apertura di Wall Street e quando il M5s ha confermato i malumori astenendosi dal voto al Senato, Ftse Mib KO -4.7%!
 
Spread
 
La crisi alimenta le preoccupazioni finanziarie e lo Spread supera la resistenza dei 199 punti base e sale sino a 240 punti, ma ha chiuso la sessione fortunatamente in area 225 punti.
 
Male anche per il debito Italiano con il rendimento decennale che sale a 3,40% mentre tutti i BTP subiscono forti vendite per tutta la giornata di contrattazione.
 
Ad avere la peggio i titoli legati allo stato Italiano tra cui ENEL a -6%, ENI a -5%, Poste italiane a -5%, Telecom a -6.50%.
 
Piazza Affari è consapevole della crisi internazionale, dell’inflazione, della pandemia e questa crisi politica è mal digerita.
 
Con la crisi di oggi Piazza Affari incrementa il “divario negativo”:
  • Apertura Gennaio 2022 / invasione Russa in Ucraina -10%
  • -22% scadenza tecnica futures / trimestrale Marzo 2022
  • -26% Crisi Draghi
 
Focus. Inflazione, cosa succede nei mercati e nelle tasche dei risparmiatori
 
La TV digitale TRM Network intervista il Trader Sante Pellegrino e la giornalista Manuela Donghi
 

Il Giornalista Saverio Carlucci conduce e modera l’incontro\intervista che segna il focus sulle tematiche inerenti l’Inflazione i Mercati Finanziari e l’aumento dei prezzi delle Materie Prime.

FORMAZIONE DI TRADING
Tecniche di trading intraday: le metodologie di breakout

Relatore: Sante Pellegrino Moderatore: Pietro Froio

In questa sessione insieme a Sante Pellegrino studieremo le tecniche di breakout per operare intraday1-2-3 High Low, Ledge e Hook, estremamente utili per operare in congestioni o in tendenza.

SEGUI IL VIDEO https://www.youtube.com/watch?v=sD4vl-x-ZB0

Share the Post:

Related Posts