La Borsa di Milano in rosso, BCE Lagarde “avverte” le Banche

Piazza Affari
I maggiori rischi provenienti dal mercato immobiliare, dall'aggiustamento degli assett "costosi" e dalle operazioni di "Shadow Banking" . . . il mix perfetto che potrebbero causare instabilità finanziaria. Già prima dei default della Silicon Valley Bank e della Signature Bank, più volte l'agenzia di rating Standard and Poor's aveva sottolineato come gli intermediari finanziari non bancari, meno regolamentati e alcune banche di investimento "d'avanguardia", erano tra i più esposti a rischio default per via delle attività da 239.000 miliardi di dollari "circolanti" in mercati OTC. A zavorrare le Borse mondiali non è solo la BCE ma anche i dati macro, l’attività manifatturiera cinese perde potere e mette a rischio gli scambi commerciali globali. Arriva anche il dato sull’inflazione Italiana che fortunatamente scende a maggio e dal +8.2% di aprile al 7,6% , nonostante il dato in calo rispetto al mese precedente l'Italia supera comunque le attese degli analisti ed è il dato più alto della zona euro. Per la Borsa di Milano le notizie, i dati macro e il monito della BCE non sono sicuramente dei suggerimenti positivi. La sensibilità della volatilità aumenta ed il Ftse Mib di Piazza Affari teme fortemente futuri risvolti negativi, appena il supporto di area 26300 punti viene violato il ribasso la volatilità "avvia le danze"! Accelerazione ribassista sino ai supporti di area 26000 punti e ad un soffio dal prossimo supporto di area 25800 punti, supporto fondamentale per la tenuta del listino e per evitare ulteriore volatilità ribassista. Tra i principali ribassi della Borsa di Milano gli industriali tra cui Leonardo che chiude a -4,07%, Stellantis -3,52% e a seguire i titoli del comparto OIL con Eni -3,53%, Saipem -3,19%. Male anche i bancari con Banco BPM che chiude a -2%, BPER Banca che chiude a -1.80%, Banca Intesa che chiude a -2.55% e Unicredit che chiude a -4%. Borsa di Wall Street chiude con gli indici in rosso ma non quanto l'europa, il Dow Jones chiude a - 0,40%, S&P 500 a - 0,58% ed il Nasdaq a - 0,75%. Occhi puntati sul Congresso per l’accordo sul tetto del debito!

Borsa di Milano in rosso dopo il monito della BCE alle Banche Europee.

Table of Contents

I maggiori rischi provenienti dal mercato immobiliare, dall’aggiustamento degli assett “costosi” e dalle operazioni di “Shadow Banking” . . . il mix perfetto che potrebbero causare instabilità finanziaria.

Già prima dei default della Silicon Valley Bank e della Signature Bank, più volte l’agenzia di rating Standard and Poor’s aveva sottolineato come gli intermediari finanziari non bancari, meno regolamentati e alcune banche di investimento “d’avanguardia”, erano tra i più esposti a rischio default per via delle attività da 239.000 miliardi di dollari “circolanti” in mercati OTC.
A zavorrare le Borse mondiali non è solo la BCE ma anche i dati macro, l’attività manifatturiera cinese perde potere e mette a rischio gli scambi commerciali globali.
Arriva anche il dato sull’inflazione Italiana che fortunatamente scende a maggio e dal +8.2% di aprile al 7,6% , nonostante il dato in calo rispetto al mese precedente l’Italia supera comunque le attese degli analisti ed è il dato più alto della zona euro.
Per la Borsa di Milano le notizie, i dati macro e il monito della BCE non sono sicuramente dei suggerimenti positivi.
La sensibilità della volatilità aumenta ed il Ftse Mib di Piazza Affari teme fortemente futuri risvolti negativi, appena il supporto di area 26300 punti viene violato il ribasso la volatilità “avvia le danze”!
Per la Borsa di Milano che aveva aperto con un ribasso in gap arriva l’accelerazione ribassista sino ai supporti di area 26000 punti, e ad un soffio dal prossimo supporto di area 25800 punti fondamentale per la tenuta del listino e per evitare ulteriore volatilità ribassista.
borsa di milano
Tra i principali ribassi della Borsa di Milano gli industriali tra cui Leonardo che chiude a -4,07%,  Stellantis -3,52% e a seguire i titoli del comparto OIL con  Eni -3,53%, Saipem -3,19%.
Sempre alla Borsa di Milano male anche i bancari con Banco BPM che chiude a -2%, BPER Banca che chiude a -1.80%, Banca Intesa che chiude a -2.55% e Unicredit che chiude a -4%.
Borsa di Wall Street chiude con gli indici in rosso ma non quanto l’europa, il Dow Jones chiude a – 0,40%, S&P 500 a – 0,58% ed il Nasdaq a – 0,75%. 
Occhi puntati sul Congresso per l’accordo sul tetto del debito!
Segui la video intervista con l’analisi tecnica finanziaria di Borsa per Piazza Affari, Wall Street, Forex e Commodities a cura di  Sante Pellegrino intervistato da  Giulia Brambilla su FinanzaNowTV
NON FARTI SFUGGIRE GLI EVENTI DI FORMAZIONE GRATUITA DI WEBANK & SANTE PELLEGRINO 
La tecnica dei pocket pivot
La tecnica dei pocket pivot è una strategia di trading utilizzata per individuare quando i grandi attori del mercato si interessano a determinati titoli azionari. Si utilizzano medie mobili, volumi e breakout di prezzo. Insieme a Sante Pellegrino scopriremo questa strategia poco conosciuta e impareremo ad utilizzarla per il trading di breve e medio termine

Share the Post:

Related Posts