Wall Street e Carri Armati montagne “russe” per il Nasdaq!

wall street
A Wall Street il Nasdaq si conferma l'indice azionario più volatile della giornata. In apertura di mercati il Nasdaq ha fatto tremare Wall Street, discesa in volatilità netta sino a -2.50% al livello di prezzo di minimo pari a 11570 punti salvo poi risalire in chiusura a -0.80% a 11700 punti circa. A spaventare Wall Street ci ha pensato Microsoft con i già dai deludenti dati di fatturato in calo di 239 milioni circa con un -0.48% di periodo. In apertura Microsoft ha perso il circa 10 dollari con un'apertura a - 3,4% ma fortunatamente il titolo è riuscito a recuperare terreno chiudendo a 242 dollari e recuperando quasi totalmente la perdita. Sempre a Wall Street gli indici hanno così chiuso la giornata con S&P 500 che si ferma a 0,45% e sotto la resistenza dei 4025 punti, Dow Jones ha perso circa lo 0,20% e si ferma sotto la resistenza di 33700 punti mentre il Nasdaq chiude a -1%.

A Wall Street il Nasdaq si conferma l’indice azionario più volatile della giornata.

In apertura di mercati il Nasdaq ha fatto tremare Wall Street, discesa in volatilità netta sino a -2.50% al livello di prezzo di minimo pari a 11570 punti salvo poi risalire in chiusura a -0.80% a 11700 punti circa.
A spaventare Wall Street ci ha pensato Microsoft con i già dai deludenti dati di fatturato in calo di 239 milioni circa con un -0.48% di periodo.
Wall Street Nasdaq vs Microsoft
In apertura Microsoft ha perso il circa 10 dollari con un’apertura a – 3,4% ma fortunatamente il titolo è riuscito a recuperare terreno chiudendo a 242 dollari e recuperando quasi totalmente la perdita.
Sempre a Wall Street gli indici hanno così chiuso la giornata con S&P 500 che si ferma a 0,45% e sotto la resistenza dei 4025 punti, Dow Jones ha perso circa lo 0,20% e si ferma sotto la resistenza di 33700 punti mentre il Nasdaq chiude a -1%.
Segui la videointervista a Sante Pellegrino di Giulia Brambilla su FinanzaNowTV
NON FARTI SFUGGIRE GLI EVENTI DI FORMAZIONE GRATUITA DI
WEBANK & SANTE PELLEGRINO 
Le divergenze con le Bande di Bollinger”
Share the Post:

Related Posts