La crisi di Governo avrà un Super Conte o Super Renzi? parola allo Spread

Conte Ter
75 / 100

Il Premier Giuseppe Conte è ancora a caccia di sostenitori per ri-conquistare la fiducia del Senato. A sostenere Giuseppe Conte per il proseguire dell’azione di Governo, ci prova anche Zingaretti che si appella ai Librali, Europeisti, Democratici . . . ma sarà vero o è solo scena politica da finto responsabile?

Indice dei contenuti

Nel Frattempo Matteo Renzi dichiara, ancora una volta, di non essere colpevole dell’eventuale uscita di scena di Giuseppe Conte, ma soprattutto conferma e ribadisce che non voterà la fiducia all’attuale maggioranza.

Lo stesso Matteo Renzi però si presta a dichiarare la “favoletta” all’Italiana e cioè, un governo con un ruolo centrale del PD è cosa gradita, della serie il primo amore non si scorda mai oppure mi tolgo il sassolino dalla scarpa visto che proprio lui è l’ex segretario del PD?

Il gioco si fa duro per Giuseppe Conte che continua instancabilmente a ricercare appoggio da più schieramenti politici e da più “responsabili”.

Qualora questo governo dovesse arrivare al capolinea, è molto probabile che Mattarella possa confermare un incarico “TER” allo stesso Conte?

Ipotesi di Voto Vs Nuovo Governo
Ipotesi di Voto Vs Nuovo Governo fonte il sole 24ore 16 01 2021

Nel frattempo i numeri della gestione Conte sono abbastanza chiari ai molti addetti ai lavori e gli stessi non sono molto entusiasti del risultato, anzi sono dubbiosi e perlopiù preoccupati riguardo la futura gestione dei Recovery.

Attualmente per il governo in scadenza i conti da pagare sono alcune “fatture” salate di cui Alitalia, Ilva, Banca Popolare Bari, Banca MPS, ed altro ancora per un totale quasi pari a 30 miliardi senza aggiungere gli interventi di salvataggio e di sostentamento alla popolazione italiana.

Se la disputa di governo è inerente a chi e come gestire i Recovery Fund allora meglio che Conte faccia una magia e sia lui a stupire tutti come sempre ha fatto sin ora.

A dirlo è l’ormai indice di “stabilità di governo” ovvero “sua santità” “lo Spread”.

Spread BUND vs BTP

Spread BUND vs BTP

Lo Spread BTP vs Bund dal dopo Salvini e dal dopo primo Lockdown Covid è sempre sceso, sempre solo e soltanto sceso! Segno che il Premier Giuseppe Conte rimane gradito agli investitori internazionale.

Il gradimento di Conte è provato non solo dall Trend ribassista dello Spread, ma soprattutto ed anche dal rateo di interessi che sui BTP il governo paga agli investitori che acquistano ed investono sullo stesso BTP.

Rendimento Italia 10 anni
Rendimento Italia 10 anni

C’è di più, dopo il ritiro dei ministri di Italia Viva addirittura lo Spread è sceso ancor di più! Che lo Spread indichi la strada per un Conte Ter con rimpasto e ruolo di “centravanti” per Itali Viva e Matteo Renzi?

Non Perdere la formazione di Trading Gratuita con WeBank & Sante PELLEGRINO

Strategie intraday con i Pivot Point

Share the Post:

Related Posts