CREDIT SUISSE RAIDER TAX e Wall Street “affonda”

Panic Sell

CREDIT SUISSE affonda WALL STREET SELL OFF la parola d’ordine

Table of Contents

Vuoi diventare un TRADER PROFESSIONAL?  

Vieni a conoscere la 

LA DIDATTICA QUALIFICATA dei MERCATI & STRUMENTI finanziari

Come OTTIMIZZARE le TECNICHE DI TRADING INTRADAY 

Perchè puoi MIGLIORARE la tua L’ANALISI TECNICA

Scoprirai nuovi PATTERN DI PREZZO

ed un modello di ANALISI CICLICA UNICO e MAI DIVULGATO

per fare TRADING in TREND & MEAN REVERSE

Un grande scandalo ha coinvolto CREDIT SUISSE.

Liti, pedinamenti e un suicidio mandano al tappeto i listini finnziari di mezzo mondo.

Sembra la trama di un giallo ma è la verità, tutto è cominciato quando un TRADER era in procinto di passare alla concorrenza, cioè da CREDIT SUISSE a UBS.

BLOOMBERG ha pubblicato tutti i racconti che vedono coinvolti il TRADER IQBAL KHAN capo delle gestioni patrimoniali ed il suo Amministratore Delegato TIDJANE THIAM.

Pare che l’episodio che ha innescato la trama da “film giallo” sia dovuto ad alcuni litigi di “ex” buon vicinato tra i due “attori” principali.

Dal giallo di CREDIT SUISSE al bianco di nozze tra UBI & BANCO BPM.

A benedire l’operazione “matrimoniale” tra UBI & BANCO BPM c’è anche MORGAN STANLEY.

L’operazione tra UBI & BANCO BPM serve a rafforzare il patrimonio e l’offerta dei prodotti.

La parola d’ordine per le BANCHE milanesi bergamasche è “superare le richieste” della BCE, già in difficoltà tutto il settore bancario Italiano ancora “VETUSTO”.

A WALL STREET non solo le preoccupazioni per le BANCHE europee, a dare “gas” al ribasso c’è la tensione della “pseudo” guerra del petrolio tra IRANIANI e ARABI.

 Nel frattempo tornando in ITALIA il governo ha annunciato alcuni ritocchi alla TOBIN TAX con l’inasprimento per chi specula sul BTP.

La nuova tassa, dal nome “RAIDER TAX” precede altre diverse tasse già annunciate come ad esempio la WEB TAX.

La notizia a quanto pare non è gradita per Borsa di Milano.

Piazza Affari dopo una brillante apertura storna al ribasso assieme a tutti i bancari e lo spread torna a salire sino a 140 punti.

Tutto è contornato da notizie poco incoraggianti, come ad esempio il taglio alla crescita Italiana di FITCH che porta a zero la crescita ed il PIL ITALIA per il 2019!

Ancora più preoccupante però il quadro tecnico mondiale finanziario, un preludio alla recessione mondiale ?

Share the Post:

Related Posts